Invia il tuo articolo

Un pensiero a caso

La battaglia quotidiana contro chi attenta alla sicurezza dei cittadini e dello Stato "si vince soltanto insieme: uniti a fare squadra, a fare rete, ciascuno secondo ruoli, responsabilità, capacità

Antonio Manganelli (2009)

Prime pagine dei quotidiani del mondoMeteo in IrpiniaAndiamo al cinema in Irpinia - TrailerE-democracy secondo Opinione Irpina

Home Politica Il “populismo” ipocrita e parolaio di Berlusconi

( 0 Voti ) FeaturedMost Hit
Modifica dimensione carattere:

URL breve per questo articolo: http://is.gd/jn6UVO

Il concetto di populismo, confuso abitualmente con la demagogia autoritaria e paternalista, gode di una pessima reputazione presso gli ambienti della sinistra radical chic e politically correct, affetta da un viscerale antipopulismo e snobismo intellettuale. Un vizio atavico e incorreggibile che la induce a nutrire un profondo disprezzo nei confronti delle masse popolari, in particolare verso il “popolo profondo”, visto con alterigia e spocchia aristocratica. Tuttavia, il discorso è più ampio, nella misura in cui la categoria del populismo è invisa alle moderne democrazie liberali, le quali ravvisano nel populismo una strategia per riscuotere facili consensi tra le classi ritenute poco colte ed evolute, facendo leva su cliché che garantiscono un immediato riscontro emotivo.

A tale riguardo è giunto il momento di sfatare alcuni luoghi comuni della politica. Una di queste persuasioni è la tesi che qualifica Berlusconi come un “leader populista”. Nulla di più falso e becero. Al di là di stereotipi banali e mistificanti, Berlusconi è solo un populista di comodo. Mi spiego. Se il popolo lo vota e lo sostiene, allora il  popolo ha ragione e Berlusconi si spaccia per essere un populista, ma se la gente non lo vota ed osa contestarlo, in tal caso il popolo ha torto, perciò Berlusconi non è un sincero populista.

Il populismo di Berlusconi è dunque capzioso, una menzogna ripetuta ossessivamente e metabolizzata acriticamente come un dato di fatto, che sarebbe il caso di riesaminare per svelare la sua natura opportunistica, cioè uno strumento di propaganda e mistificazione ideologica. Se fosse un autentico populista, Berlusconi dovrebbe riconoscere piena sovranità al popolo in ogni caso, quando lo appoggia e quando lo contesta. Il populismo dovrebbe esprimere rispetto e devozione verso il popolo, un atteggiamento sincero e coerente, non basato su convenienze politiche, né sbandierato in termini di annunci e promesse elettorali menzognere, puntualmente disattese.

Bisogna ribadire che Berlusconi non è un populista, ma un nemico del popolo, un impostore che ha fatto regredire il popolo italiano di oltre 50 anni, lo ha ingannato e impoverito. Invece, altri statisti passati e presenti possono rivendicare i meriti di un populismo declinato nelle forme di un socialismo  popolare e antimperialista. Un onesto leader populista ha in mente soprattutto il progresso del popolo. A parte il populismo russo e americano di fine Ottocento, si pensi a personalità di notevole prestigio come Mao Tse-Tung, la guida carismatica di una rivoluzione che ha fatto compiere al popolo cinese un poderoso balzo in avanti di secoli; si pensi a Fidel Castro, che ha beneficiato il suo popolo affrancandolo dalle piaghe secolari della miseria e dall’analfabetismo, al punto che Cuba può vantare gli ospedali e le scuole migliori del continente americano; si pensi a Hugo Chavez, che sta facendo progredire le condizioni del popolo venezuelano.

Insomma, occorre smascherare il populismo ipocrita e parolaio di Berlusconi e contrastarlo su un terreno politico e culturale, proponendo un modello alternativo e speculare insieme, sospinto da un’autentica ispirazione populista. Qui la nozione di populismo va intesa in un’accezione non demagogica, paternalista o sciovinista, bensì in un’ottica gramsciana, cioè nel senso di un blocco popolare avanzato e rinnovatore. E’ in una prospettiva gramsciana che occorre imboccare la direzione di un populismo nuovo, inteso nella versione di un socialismo popolare che sposi i valori della democrazia partecipativa. Nulla esclude che il populismo possa assumere forme davvero progressiste e democratiche.

Lucio Garofalo

 
Educazione prima di tutto!

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli collegatiUltimi articoli
Donazioni

Opinione Irpina ti piace? Prenditi un minuto per farla sopravvivere. Grazie.

Amount: 

Opinione Irpina for Android

Totale Downloads
3,489
Odio bianco
Ultimi Pensieri & Citazioni

1. Quando ti liberi di sogni pesanti, ti senti più leggero.

Endo in "What a wonderful world" - Inio Asano

2. Un vincitore è semplicemente un sognatore che non si è arreso.

Nelson Mandela

3. Il male delle idee troppo astratte di libertà è quello di toglierla mentre la vogliono stabilire.

Vincenzo Cuoco

Movimento Agende Rosse

Canale Youtube di Opinione IrpinaOpinione Irpina su Identi.ca

Seguimi su Facebook

Seguimi su LiquidaOpinione Irpina su Twitter

seguimi su Fai Informazione

Opinione Irpina su FriendFeed

Moma & Momo Design